Porto del Pireo

 

pireoIl Pireo, il più grande porto greco e uno dei più grandi nel Mediterraneo, svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo sia del commercio internazionale, sia dell'economia locale e nazionale.

La sua storia inizia nel 1924, momento in cui furono iniziate grandi opere civili; oggi questo porto svolge un'ampia gamma di attività riguardanti i porti commerciali, i servizi alle navi e lo sviluppo immobiliare.

Il Pireo collega la Grecia continentale con le isole, è un terminal internazionale importante per il traffico crocieristico e un hub commerciale fondamentale per il Mediterraneo, che fornisce servizi a navi di ogni tipo e dimensione.

Oggi la società P.P.A. S.A. offre lavoro a più di 1.300 persone e fornisce annualmente servizi a più di 24.000 navi. La P.P.A. S.A contribuisce alla crescita economica a livello sia locale che e nazionale ed è in continuo aggiornamento e sviluppo riguardo sia alle infrastrutture sia ai servizi.

La società P.P.A. S.A. si sta trasformando in una compagnia moderna e dinamica, che fornisce servizi di alta qualità, mantiene la soddisfazione degli investitori, assicura occupazione a lungo termine e tratta transazioni commerciali in favore dell'economia nazionale greca e dei consumatori, nel modo più efficiente possibile e nell'ambito dell'industria marittima globale.

 

Indirizzo   Contatti

10, Akti Miaouli

  Nome Dimitrios Spyrou
18538 Piraeus (Greece)   Posizione  
    e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. +30 210 406 08 66 / +30 694 823 87 45
    Fax +30 210 406 08 75

enpi EU3

Disclaimer

"This publication has been produced with the financial assistance of the European Union under the ENPI CBC Mediterranean Sea Basin Programme. The contents of this document are the sole responsibility of FEPORTS Fundación Instituto Portuario de Estudios y Cooperación de la Comunidad Valenciana and can under no circumstances be regarded as reflecting the position of the European Union or of the Programme's management structures."