Azioni Previste

 

Il progetto si divide in fasi di lavoro (Work Packages) e compiti (Tasks).

WP1 Coordinamento e gestione

Garantire la corretta attuazione del progetto, sia mediante lo sviluppo di una metodologia studiata per accertarsi che i partner adempiano alle proprie responsabilità, sia attraverso l'integrazione dei diversi fattori che assicurano la quotidiana implementazione del progetto.

WP2 Diffusione

Le attività di comunicazione mirano a favorire la massima partecipazione possibile alle attività del progetto da parte di tutti i gruppi coinvolti, al fine di garantire la continuità e la sostenibilità dei risultati.

  • Sito web e data-base del progetto
    Creazione di un sito web di facile consultazione da parte di tutti i soggetti che utilizzano i porti dei paesi del Medio Oriente, anche se non direttamente coinvolti nel progetto, al fine di espandere la base di utilizzatori, assicurando che il sito resti operativo anche dopo la fine del progetto e continui a offrire aggiornamenti, notizie e informazioni, oltre che ospitare forum su questioni normative e procedurali.

  • Volantini e newsletter
    Verranno stampati opuscoli sulle attività del progetto al fine di pubblicizzarne le attività, i seminari, i corsi di formazione e la conferenza conclusiva.

  • Il portale e il data-base di CUSTOM MED
    La comunicazione e la diffusione nell'ambito del progetto avverranno mediante strumenti informatici, al fine di promuoverne l'uso e la popolarità nei paesi coinvolti. Questa fase mirerà anche alla creazione di un data-base contenente la legislazione doganale.

  • Attività di comunicazione e visibilità
    Un programma di comunicazione verrà stabilito, basato su strategie mirate e obiettivi chiari.

  • Conferenza conclusiva su larga scala
    La conferenza di fine lavori presenterà i risultati ai principali interessati, a stampa e media nonché alle autorità competenti: autorità portuali, agenzie doganali, rappresentanti ministeriali e delle municipalità, responsabili dell'UE.

WP3 Attività di capitalizzazione e sinergie con altre iniziative

Opportune strategie saranno adottate per capitalizzare le reti di contatti esistenti tra gli stakeholder, con un focus sugli strumenti di condivisione della conoscenza su base web quali forum, blog e newsletter

WP4 Analisi

  • Definizione di specifiche verifiche e valutazioni
    Identificare i tempi e i costi necessari per le procedure doganali. Questa verifica sarà gestita a livello locale con la collaborazione di ogni partner coinvolto e verrà trattata all'interno del focus group.

  • Analisi sui porti di Aqaba, Beirut, Genova, Pireo e Alicante
    Gruppi di lavoro misti, formati da esperti provenienti sia dai paesi UE sia dai paesi MENA, analizzeranno gli aspetti principali in termini di gestione del tempo e sdoganamento merci.

  • Migliori pratiche (best practices)
    I partner raccoglieranno i dati relativi all'attuale situazione della normativa e delle procedure doganali, al fine di individuare almeno tre o quattro best practices da condividere e trasferire al Libano e alla Giordania.

  • Analisi dei punti di forza e di debolezza (SWOT) dei porti di Beirut e Aqaba.

WP5 Strumenti

  • Linee guida per il Focus group permanente
    Gestire, dirigere e coordinare il progetto e tutti i partner in un modo efficace; controllare i progressi e risultati; risolvere eventuali controversie e bilanciare l'interesse dei singoli partner, al fine di garantire il corretto sviluppo del progetto, compresa la gestione di tutti le questioni amministrative, tecniche e finanziarie.

  • Definizione della Road Map per i porti di Beirut e Aqaba
    Il suo scopo è di sviluppare aspetti relativi alle normative, alle procedure (incluse quelle documentarie), ai sistemi di supporto informatico su piattaforma web e un focus group permanente.

  • Specifiche tecniche delle soluzioni informatiche di supporto
    I sistemi informatici dovranno integrare tutte le aree funzionali esistenti e i sub-sistemi.

WP6 Definizione del "formal status" di sicurezza

Analizzare e studiare il "formal status" per determinare le procedure di sicurezza da adottare al fine di istituire modelli e normative standard.

  • Compilazione e analisi delle informazioni precedenti.
    Definire il modo migliore per attuare potenziamenti nelle procedure di sicurezza.

  • Linee guida per l'applicazione su larga scala della metodologia (estensione agli altri paesi MENA nel futuro)
    Le linee guida includeranno le seguenti tecniche: individuazione degli enti pubblici, soggetti privati, tecniche di analisi di casi locali, acquisizione dati, architettura DB, informazione, ecc

  • Istituzione di una norma e di standard
    Definire una norma riguardo al contributo di altri sistemi di sicurezza, nonché una serie di standard che tengano conto dei requisiti fissati dai diversi organismi internazionali, come gli standard dell'Organizzazione Mondiale delle Dogane, il codice ISPS dell'IMO, il C-TPAT dei Servizi Doganali degli USA, ecc.

  • Definizione di una forma di audit e certificazione.
    Infine, saranno progettati un quadro di riferimento per la verifica e il certificato di conformità secondo le modalità definite.

WP7 Formazione

Al fine di assicurare che CUSTOM MED sia condotto in modo efficace ed efficiente, il personale coinvolto riceverà un'adeguata formazione.
Tipi di corsi di formazione:

  • Un corso di formazione procedurale indirizzato ai funzionari doganali in Libano e in Giordania.
  • Un corso di formazione operativo indirizzato agli operatori nel campo dei trasporti in Libano e in Giordania.
  • Un corso di formazione riguardante la legislazione indirizzato ai funzionari e ai dipendenti di organizzazioni pubbliche in Libano e Giordania.

 

 

 

enpi EU3

Disclaimer

"This publication has been produced with the financial assistance of the European Union under the ENPI CBC Mediterranean Sea Basin Programme. The contents of this document are the sole responsibility of FEPORTS Fundación Instituto Portuario de Estudios y Cooperación de la Comunidad Valenciana and can under no circumstances be regarded as reflecting the position of the European Union or of the Programme's management structures."